Facebook

Blog

La creatività del nostro Made in Italy

La creatività del nostro Made in Italy

In questo difficile momento di emergenza globale, moltissime sono state le donazioni fatte da aziende e da privati per venire in aiuto delle strutture sanitarie italiane, che in questi giorni affrontano le difficoltà nel curare e assistere i pazienti infetti dal virus. 

Tante sono state le iniziative per sostenere economicamente gli Ospedali e la Protezione Civile. I brand italiani più importanti del mondo dell’auto insieme ai big della moda, della cosmetica e dei produttori di bevande alcoliche, hanno messo a disposizione i loro strumenti e le loro aziende, riconvertendo le attività produttive, attivandosi così per aiutare a combattere il COVID-19 e ritornare presto a vivere la nostra normalità. 

Il Gruppo ARMANI (Milano), dopo la sua importante donazione stanziata a favore degli ospedali italiani delle settimane passate, ha deciso di dare un altro grande contributo, convertendo la produzione aziendale di tutti i suoi stabilimenti italiani, producendo camici monouso da destinare agli operatori sanitari, impegnati quotidianamente contro questo nemico invisibile.

armani camici monouso

La FERRARI (Modena), brand indiscusso del settore automobilistico, è scesa in pista, a sostegno degli ospedali. Ferrari affianca la Siare Engineering, azienda che produce respiratori, fabbricando nello stabilimento di Maranello ventilatori polmonari, necessari per tenere in vita le persone ricoverate in terapia intensiva. 

ferrari

Armani non è l’unica maison, che ha convertito la sua produzione. Anche GUCCI, la casa di moda fiorentina, si è attivata per combattere la pandemia con donazioni e raccolte fondi a sostegno del servizio sanitario e la creazione di nuovi posti letto per le terapie intensive. Gucci inoltre, si è impegnata nella produzione di 1.100.000 mascherine antivirus e 55 mila camici protettivi per la Regione Toscana. Anche PRADA, in risposta all’appello della Toscana fornirà 110.000 mascherine e 80.000 camici per il personale sanitario.

BULGARI, brand internazionale di lusso, successivamente alla sua donazione all’ospedale  Spallanzani di Roma per l’acquisto di un microscopio 3D, indispensabile per la ricerca, ha deciso di mettere a disposizione i suoi laboratori cosmetici per la produzione di flaconi di gel disinfettante per le mani da fornire a tutte le strutture mediche. Il tutto sotto il coordinamento del Governo Italiano.

Non solo grandi brand di lusso, anche le imprese del triveneto, hanno trasformato la loro produzione a beneficio di dispositivi di protezione. 

GRAFICA VENETA (Padova), azienda leader specializzata nella stampa di giornali e libri, va in soccorso dei cittadini con la produzione di 2 milioni di mascherine per proteggere naso e bocca. Queste saranno distribuite gratuitamente, per essere utilizzate in tutte le azioni quotidiane.

grafica veneta, mascherine
Il Governatore della Regione Veneto Luca Zaia durante la presentazione delle mascherine prodotte da Grafica Veneta Spa

FELIS salotti, azienda del pordenonese conosciuta per la produzione di divani e letti, non è rimasta inattiva ma, costretta a fermare la sua abituale produzione, come tante altre aziende, ha deciso di contribuire e passare alla produzione di mascherine e camici

In tempi eccezionali come questo si compiono azioni sorprendenti.

I grandi marchi internazionali fanno squadra e vanno in soccorso del proprio Paese. L’Italia non è mai stata così unita e sta dando prova della sua forza, dimostrando a tutto il mondo che insieme si può affrontare qualsiasi avversità.

Non bisogna MAI arrendersi, uniti ci si rialza…SEMPRE.

bandiera italiana

Hashtag: #Milano #Firenze #Modena #Veneto #Padova #Fvg #Pordenone #Italy #messaggeroveneto #ilgazzettino #COVID19 #emergenza #insiemecelafaremo #AndràTuttoBene #insiemesiamopiùforti #mediastudio #smartworking